A Sao Luis, preparando la vacanza

Il “non incontro” di ieri è stato leggendario: una perfetta combinazione di incertezza da parte mia dovuta alla febbre di ieri e di anticipo nell’atterraggio dell’aereo di Caterina, con consegna immediata del bagaglio e taxi pronto all’uscita.
Risultato: io ero agli arrivi in aeroporto mentre Caterina era in albergo a chiedersi dove fossi.

Perfettamente in linea col nostro stile!

Oggi dobbiamo sbrigare due faccende: il tagliando alla moto dove soprattutto voglio far controllare la carburazione e spedire tutta la roba invernale che porto dietro dall’inizio del viaggio e che ho usato fino in Ecuador, per far spazio ai bagagli di Caterina.

Mi sveglio presto e vado alla Honda, proprio di fronte all’aeroporto. Parlo col meccanico che ieri pomeriggio, al mio arrivo da Santa Ines, mi aveva assicurato poteva fare il tagliando in mattinata. Arrivo che sono le 8.

“Mi spiace, sono arrivate due moto alle 7:30, tu sei il terzo. Riesco a dartela per stasera, anzi no, per domani”

Me ne vado all’istante molto innervosito, quando passo di fronte a un altro meccanico piuttosto grande. In due ore me la fanno, con tanto di piastra di legno montata per fissare la sacca a cilindro. Ottimo!

Torno in albergo, sistemo i bagagli con Caterina, le valigie immancabilmente si devono aprire nella posizione massima. Sono davvero curioso di vedere se e come riusciremo a viaggiare in due sulla Pollita! Studiamo anche la strada e le piste da fare nei prossimi giorni, per percorrere la costa da qui fino a Recife. Almeno l’idea è quella.

Verso l’ora di pranzo portiamo alla posta lo zaino di Caterina riempito dei vestiti invernali, destinazione Rio de Janeiro! Otto chili di bagaglio in meno.

Torno a prendere la moto e mi fermo qualche minuto a parlare del viaggio al meccanico, incuriosito dalla targa cilena.

“E poi, quando arrivo a Recife, la vendo …”, dico concludendo la sintesi del viaggio.

“Ah e a quanto la vuoi vendere?”, si informa il meccanico.

“Pensavo 4000”, rispondo pensando all’idea – ribassandola di 1000 reais – di Tom a Manaus.

Scoppia in risata irrefrenabile, manco gli avessi raccontato la barzelletta del secolo!

“Forse riesci a venderla a 2000, non ha i documenti e nemmeno la vendono qui in Brasile! Qui la fanno 150, non l’avevo mai vista 125”

Ha ragione …

“Vedrai che adesso andrà molto meglio, aveva una guarnizione del carburatore rovinata!”

Effettivamente la moto non è mai andata così bene! Gonfio le gomme per la prima volta da quando le avevo regolate a mano a Uyuni, in Bolivia, con i due ragazzi svizzeri in viaggio per il mondo.

Torno in albergo e faccio un giro in centro con Caterina.

Sao Luis è bella, con il fascino coloniale decadente. Non ci sono particolari luoghi da vedere, ma solo l’atmosfera tranquilla da assaporare tra bei palazzi da restaurare, qualche tranquilla piazza ben tenuta e ampi panorami sul mare.

image

image

image

image

image

image

image

image

image

Tornando in albergo compriamo un cuscino per addolcire la dura sella della Pollita.

Usciamo di nuovo che sono le 18:30. In ritardo di 30 minuti sull’appuntamento preso con Francisco, avvocato brasiliano sulla 50ina con cui ci siamo messi a chiacchierare ieri notte, nell’uscita notturna fatta prima di andare a dormire, per assaporare la città.

image

E’ seduto che ci aspetta al ristorante, come promesso. Parla con Arnaud, francese trasferitosi qui da molti anni. Ci racconta che il ristorante dove siamo seduti fino a due anni fa era suo. Poi ha divorziato dalla moglie brasiliana che si è tenuta tutto.

Chiacchieriamo del viaggio, del Brasile, dell’Europa e di molto altro, alternando francese, portoghese e spagnolo. Nel frattempo ceniamo e chiudiamo la serata con un breve passeggiata.

image

Domani si parte, inizia la nostra vacanza insieme! 🙂

– – – – –

Anche tu puoi sostenere la Pollita in questa avventura! Viaggia con noi sulle ali della Pollita, con una cartolina, una foto, una t-shirt e altro ancora!

Usted también puede apoyar la Pollita en esta aventura! Viaje con nosotros en las alas de Pollita, con una tarjeta, una foto, camisetas y mucho más!

Also you can push Pollita in this adventure! Travel with us on Pollita wings, with a postcard, a picture, a t-shirt and much more!

–> http://www.indiegogo.com/projects/nelinkas-around-south-america-dream

7 thoughts on “A Sao Luis, preparando la vacanza

  1. Ma… e l’incontro in albergo?!? I vostri occhi che si incrociano dopo tanto tempo, le vostre mani che si sfiorano, il sentirsi uniti anche dopo tante esperienze lontani…

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...