A Paracas, nel segno della vigogna

Avrei potuto dedicare questa giornata alle incredibili Linee di Nazca o ad una delle più belle strade che abbia mai percorso, però … le vigogne sono splendide e protette, per cui la dedico a loro.

Mi metto in moto abbastanza presto, con addosso quella sensazione morbida di sonno non ancora passato del tutto. L’aria è fresca e il cielo azzurro brillante. Metto nel casco uno degli album che preferisco di Paolo Conte, Paris Milonga, che inizia con la meravigliosa Alle prese con una verde milonga.

” La vera musica, che sa far ridere,
e all’improvviso ti aiuta a piangere”
(tratto da “La vera musica”, contenuta in Paris Milonga, Paolo Conte)

Uscendo da Puquio la strada si riporta in quota, per non perdere l’abitudine all’alta montagna.

image

image

image

Percorro altre gole e supero altre montagne, finché non arrivo a un centinaio di km da Nasca, dove si trova l’area protetta Pampa Galeras, santuario delle splendide vigogne. La moto è a pieno carico e oggi mi aspettano diverse cose da fare, però una breve escursione non me la nego.
Già lungo la pista ne incontro diverse, in lontananza ne intravedo molte altre. Sono bellissime e nemmeno troppo spaventate dalla mia presenza, anche se comunque, per sicurezza, si allontanano in tutta fretta.

image

image

image

image

Torno sulla strada principale ed inizio la lunga discesa verso Nasca. Mi ritrovo così su una delle strade più belle, scenografiche, emozionanti e divertenti che abbia mai percorso. Inizia prima con il percorrere una stretta gola, con un piccolo torrente sul fondo, poi abbandona la gola e si apre da un lato su una duna di sabbia altissima e dall’altro su una serie di montagne che si rincorrono fin oltre l’orizzonte. La strada prosegue poi con una serie infinita di tornanti, fino ad impegnarsi a superare l’ultima serie di basse ma tortuosissime colline prima della piana dove si trova Nasca.

image

image

image

image

image

image

image

image

Strada spettacolare che mi fa vivere uno di quei momenti di esaltazione in cui ritrovo conferma della superiorità assoluta del viaggio “on the road”, per vivere e scoprire al 100% i posti che si visitano e della moto come IL mezzo per eccellenza, che unisce il divertimento della guida “fisica” alle emozioni dell’immersione totale nel paesaggio circostante.

Atterro a Nasca dopo decine di km di curve e tornanti e passo di fronte al sito archeologico sugli acquedotti. Mi aspetto il classico acquedotto romano ad archi, invece mi trovo davanti a delle buche elicoidali, ricordano il guscio delle lumache, sul cui fondo scorre l’acqua, limpida e cristallina.
Quando arrivo, una giovane insegnante sta cercando di catturare l’attenzione di una quarantina di bambini che pensano a tutto, tranne che all’antico acquedotto di Nasca.

image

image

image

image

Dopo un paio di settimane riprendo la Panamericana che avevo abbandonato in Cile e vado verso Lima.

image

image

Purtroppo la cartina è sbagliata e devo tornare a Nasca per andare all’aeroporto e provare a guardare le Linee di Nasca dall’alto. Questo errore mi costa 50 km in più, anche se riesco brevemente a visitare il museo dedicato a Maria Reiche, che studiò le linee per tutta la vita.

image

Vado all’aeroporto, non sono nemmeno sceso dalla moto che vengo accalappiato da un impiegato (tra le proteste di quello di un’altra agenzia, arrivato un istante dopo) di una delle 9 agenzie turistiche che organizzano il volo aereo sopra le linee.

“Quanto costa il volo?”, chiedo al tipo.

“250 soles”

“Facciamo 200”

Mi guarda come se l’avessi offeso, poi rilancia:

“230 solo perchè sei tu!”

“Vabbè, 220 …” contropropongo.

“OK … sei un buon contrattatore eh?!”

Insomma … anzi, proprio no.

Sono le 16 e ancora non ho mangiato, mi metto in pari con due empanadas di carne e una Inca Kola.

Finalmente si parte e per la prima volta in vita mia salgo su un trabiccolo mono-elica. L’aereo non mette a proprio agio, è microscopico e leggerissimo, basta uno starnuto e si muove tutto.

image

image

image

Decolliamo e il pilota, per far vedere bene le figure sia a chi è seduto a sinistra, chi dall’altro lato, vira vorticosamente  e si mette quasi in verticale. Tre o quattro giri ed ecco il mio stomaco chiedere pietà, per poi minacciare di cacciare fuori tutto quello che ho mangiato.

image

(la Balena)

image

image

image

image

image

(l’Astronauta)

image

(la Scimmia)

image

(il Cane, è in verticale, sulla sinistra)

image

(il Colibrì)

image

(il Ragno)

image

(il Condor)

image

(l’Albero)

Il mio stomaco è ormai allo stremo quando il pilota propone un fuori programma, sorvolare … li acquedotti di Nasca! Tutti sono entusiasti, tranne me, visto anche che li ho già visitati!

image

Comunque, concentrandomi su un punto all’orizzonte riesco a resistere, poi finalmente il volo finisce con un atterraggio perfetto, tra l’altro.

Riprendo la Panamericana che ormai è il tramonto e chiudo la giornata al buio, come al solito.

image

La strada è lunga, ma anche questa finisce, arrivo al bivio per Paracas, la strada punta al mare e me ne accorgo dal profumo di salsedine che sento nell’aria. Mi butto nel primo ostello che trovo e, un istante dopo, a letto, sono stanchissimo.

Domani, voglio visitare le isole Ballestas e non so cos’altro, vediamo cosa succede!

7 thoughts on “A Paracas, nel segno della vigogna

  1. Se ti riesce, torna (non ricordo quanto) indietro per Huacachina.. a meno che di oasi e dune di sabbia altissime tu non ne abbia già abbastanza!! 😉
    E.. portati un cappello, alle Ballestas.. guano ovunque, soprattutto dal cielo alla.. testa!! 😉

  2. Amico Fabio……ho una bellissima sorpresa per te….oltre quelle che mi regali ogni giorno….sono il felice possessore di un altra moto, ma stavolta con le ali 😉 ti contatto in privato e te la faccio vedere …. cmq il “cretto” di Burri che hai appena postato come immagine del sito non ha paragoni, al cospetto di quelli del grande maestro….
    Suerte amico

    • Ahahaha!! M’hai beccato … La tanica che porto sulla sella in realtà é piena di Inca Kola!! 🙂

      E mò che sto in Ecuador posso bere soltanto i succhi naturali (slurp! Solo oggi me ne sono fatti quattro 🙂 perchè la Inca Kola non arriva 😦

  3. Pingback: La bellezza della Natura | Nelinkas

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...