Verso Pipa, obiettivo riposo!

Oggi ci aspetta una tappa molto dura, 500 km fino a Pipa, sotto Natal.
Con un’altra moto sarebbe routine, ma con la Pollita è dura: la moto è piccola per due persone e i ben noti limiti di assenza di protezione dall’aria e scarsa velocità sono ancora più accentuati.

Partiamo alle 9 dopo le ultime chiacchiere con Stefan, il proprietario svizzero della bellissima posada Ibitu che si è trasferito in Brasile molti anni fa. Un bel personaggio!

Anche oggi il panorama cambia mille volte, da verde e fertile a grigio-verde e arido; quello che non cambia è il vento: forte, costante e perennemente contro, a parte rari momenti.

image

La moto non riesce quasi mai a tenere la quinta, è un continuo passare dalla quarta a pieni giri alla quinta che si “sgonfia” rapidamente, costringendomi a scalare. Velocità, tra i 60 e i 70. Nelle discese senza troppo vento, tocchiamo gli 80, in piena ebbrezza adrenalinica da velocità.

Deviamo per Canoa Quebrada per toglierci la curiosità di vederla. E’ carina, anche se le falesie sono decisamente meno spettacolari di quelle di Morro Branco.

image

image

image

image

I km, come sempre passano, nemmeno troppo lentamente grazie all’interfono che ieri ho montato sul casco di Caterina. Chiacchierando e tra una sosta e l’altra, trascorre il pomeriggio.

image

image

image

image

La mitica Pollita compie 17mila km, l’ultimo compleanno “da mille” che celebrerò personalmente, che tristezza!

image

Intorno al crepuscolo arriviamo a Natal, dove veniamo avvolti da un intenso traffico. Con la stanchezza della giornata di guida, sono insofferente, non ci voleva quest’ultima parte così stressante.

Gli ultimi km sono al buio, ma pesano soprattutto gli ultimi 30 tortuosi per arrivare a Pipa che, come un miraggio, finalmente si materializza.

Troviamo rapidamente una posada molto carina appena fuori il villaggio e, dopo una doccia rapida, andiamo a caccia della cena. Il paese è completamente turistico, ancora più di Canoa Quebrada. Mi sento schizofrenico, siamo passati dalla tranquillità turistica di Jericoacoacara, alla pace assoluta di Morro Branco, al delirio di musica ad alto volume e ai locali notturni di Pipa.

Comunque sia, ci aspettano due giorni di assoluto riposo, non vediamo l’ora!!

– – – – –

Anche tu puoi sostenere la Pollita in questa avventura! Viaggia con noi sulle ali della Pollita, con una cartolina, una foto, una t-shirt e altro ancora!

Usted también puede apoyar la Pollita en esta aventura! Viaje con nosotros en las alas de Pollita, con una tarjeta, una foto, camisetas y mucho más!

Also you can push Pollita in this adventure! Travel with us on Pollita wings, with a postcard, a picture, a t-shirt and much more!

–> http://www.indiegogo.com/projects/nelinkas-around-south-america-dream

Commenta l'articolo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...